Torna al blog  



10 semplici motivi per scegliere il nocciolino di sansa


Il nocciolino di sansa vergine d'oliva è un prodotto naturale, ottenuto solo ed esclusivamente con procedimenti meccanici durante la lavorazione delle olive.
Durante la fase di estrazione dell'olio extra vergine d'oliva dalle olive, le moderne tecniche hanno permesso di
valorizzare un ulteriore prodotto naturale, il nocciolino di sansa vergine, ottenuto grazie a specifiche macchine (chiamate separatori di nocciolino) che sfruttano la sola forza centrifuga.
Il nocciolino è così un prodotto naturale ed ecologico nel pieno rispetto dell'ambiente e del territorio.
È importante sapere che questo combustibile, differisce però dal nocciolino di sansa disoleata esausta, prodotto derivato dalla sansa vergine proveniente dai frantoi e trattato successivamente nei sansifici.
Nel sansificio la sansa vergine viene sottoposta ad alcuni processi chimici, dove si raggiungono alte temperature, per poter estrarre il cosiddetto olio di sansa.
Quest'altro tipo di nocciolino contiene pertanto residui dei trattamenti chimici.
Questo prodotto è utilizzabile per l'alimentazione di caldaie per riscaldamento delle abitazioni, acqua sanitaria, termo-camini, forni e tutti i tipi di caldaie policombustibili con alimentatore.


10 semplici motivi per scegliere il nocciolino di sansa vergine d'oliva:

  1. Prodotto naturale: perché è un prodotto agricolo ottenuto durante la lavorazione delle olive solo con procedimenti meccanici (centrifuga);
  2. 100% ecologico e inodore: perché è un prodotto che non utilizza additivi chimici, la sua combustione riduce al minimo i fumi e la cenere, quest'ultima riutilizzabile come concime;
  3. Economico: perché la sua produzione è ottenuta con procedimenti semplici ed è un sottoprodotto naturale che lo rende a basso costo;
    garantisce una vita più lunga delle caldaie ed una minore manutenzione delle stesse;
  4. Prodotto in Italia da olive italiane: perché viene prodotto da olive italiane in frantoi italiani con lavorazioni controllate e tracciate;
  5. Elevato potere calorifero: perché il suo rendimento è superiore a 6,05 kWH (5.200 Kcal/Kg);
  6. Maggiore capacità di stoccaggio: perché il suo peso specifico e la sua forma granulare consentono di occupare meno volume;
  7. Non è sottoposto a muffe o trasformazioni: la sua bassa umidità riduce le possibilità di generare muffe, mentre la sua struttura dura e compatta lo rende stabile nel tempo senza perdite di peso;
  8. Per produrlo ci vuole meno energia: perché è un prodotto a bilancio energetico ad impatto zero;
  9. Densità energetica più elevata: perché ha un peso specifico maggiore delle altre biomasse ed ha anche un potere calorifero maggiore;
  10. Minor quantità di ceneri: la sua peculiarità è anche quella di produrre un basso numero di ceneri, riutilizzabili come concime.

Commenti

0 commenti
Non ci sono ancora commenti.

Scritto da

Amministratore e titolare dell'azienda